Augusta, gestione dell’auditorium “Amato”: l’amministrazione ci riprova, nuovo avviso per l’affidamento

E’ il secondo quest’anno dopo il nulla di fatto di gennaio, quando l’ unica offerta presentata dall'accademia Yap fu esclusa per un vizio di forma

Scade domani l’avviso esplorativo per la manifestazione di interesse per la concessione in uso e gestione dell’auditorium comunale “Giuseppe Amato” per 3 anni, pubblicato dal Comune. Dopo il nulla di fatto dello scorso gennaio quando, dopo il primo avviso pubblico, l’unica offerta pervenuta e presentata dall’accademia Yap del tenore augustano Marcello Giordani fu esclusa per un vizio di forma, l’amministrazione riprova ad affidare a terzi la gestione di quello che un tempo veniva chiamato “teatro comunale”.  E che, a parte palazzo San Biagio, rappresenta l’unico spazio comunale dove si sono possono organizzare eventi culturali, teatrali e, più in generale, manifestazioni di vario tipo fino a 220 posti a sedere, comprese le iniziative scolastiche per le quali è già stata stipulata un’apposita convenzione con il dirigente scolastico del liceo Megara.

L’avviso, redatto dal responsabile del VII settore, Sebastiana Passanisi, sottolinea in premessa l’impossibilità del Comune di gestire la struttura “con proprio personale non essendovi all’interno dell’ente figure professionali specifiche né le risorse umane e materiali necessarie per garantire la fruizione della struttura da parte della collettività” , con l’obiettivo di evitare che “come accaduto in passato per altre strutture, resti in stato di abbandono e rimanga inutilizzato con grave nocumento per la collettività, che si vedrebbe privato della possibilità di fruizione”.

Con l’ avviso non è indetta alcuna procedura di affidamento e non sono previste graduatorie, attribuzioni di punteggio o altre classificazione di merito – si legge – la manifestazione di interesse ha il solo scopo di comunicare all’amministrazione la disponibilità ad essere invitati a presentare offerte che possono essere presentate da soggetti che risultino costituiti regolarmente alla data di presentazione dell’istanza, con statuto ed atto costitutivo coerente compatibile con la destinazione che si intende dare all’immobile. L’amministrazione si riserva la possibilità di ritirare l’avviso, di non procedere all’indizione della successiva procedura di gara informale e di assegnare direttamente la struttura nel caso di una sola manifestazione di interesse”.

Chi è interessato deve possedere i requisiti di idoneità per contrarre con la pubblica amministrazione, l’importo di base come canone ricognitivo fissato dall’amministrazione è di 5000 euro all’anno. Al concessionario spettano le entrate derivanti dai canoni di accesso all’auditorium da parte di terzi, privati e associazioni, null’altro sarà dovuto da parte del Comune, così come  sono a totale carico del concessionario le spese per la manutenzione ordinaria, di energia elettrica, riscaldamento, acqua, telefono, custodia e tributi comunali e quant’altro ritenuto necessario per la gestione della struttura.

L’affidamento comprende la gestione artistica delle attività culturali, la gestione funzionale ed economica dell’auditorium. “L’attività artistica-culturale, ludico-ricreativa del concessionario – prosegue l’avviso – dovrà essere svolta in armonia con tutte le forze culturali e sociali attive nel territorio del Comune di Augusta, cercando di incentivare rapporti collaborazione con l’associazionismo locale e dovrà avere la precipua finalità di crescita culturale del territorio cittadino, fornendo una risposta alle esigenze culturali ricreative e di spettacolo della popolazione, attraverso una progettazione di una stagione teatrale di eventi culturali e ricreativi diversificate e variegate. Sono comunque escluse e qualsiasi titolo nella programmazione manifestazione che contrastino palesemente con la finalità dell’amministrazione nonché eventi politici e le feste private e comunque non consone all’immagine del Comune di Augusta”.
Il concessionario, inoltre, si impegna a svolgere all’anno almeno un minimo di 3 eventi con ingresso libero diversificati nel genere e nel target degli spettatori.

In presenza di una sola impresa partecipante l’appalto sarà aggiudicato mediante trattativa diretta, se pervengono più manifestazione di interesse si procederà con procedura negoziata invitando i partecipanti a presentare offerta economica a rialzo della basta base d’asta fissata complessivamente in 15000 euro

 

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo