Augusta, fermato l’uomo accusato di maltrattamenti in famiglia e trovato con armi e droga

Si è consegnato a Priolo, deve rispondere di maltrattamenti in famiglia, detenzione illegale di armi clandestine e alterate, di sostanza stupefacente e ricettazione

È stato fermato in mattinata e si trova rinchiuso nella casa di reclusione di Cavadonna, a Siracusa l’augustano Salvatore Mira, l’uomo accusato di maltrattamenti in famiglia, detenzione illegale di armi clandestine e alterate, detenzione di sostanza stupefacente e ricettazione.

Il cinquantunenne, già noto alle forze dell’ordine, sapendo di essere attivamente ricercato senza soluzione di continuità dalla Polizia di Stato, si consegnava nei locali del commissariato di Priolo Gargallo dopo che la convivente aveva denunciato di essere stata aggredita per l’ennesima volta. Per questo la donna era stata costretta a rivolgersi al Pronto soccorso dell’ospedale Muscatello e assieme alla figlia minore, è stata affidata a un centro antiviolenza e portata in una località protetta.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo