Augusta, disagi e disservizi all’Anagrafe. Di Mare presenta esposto a Prefettura e Ispettorato dal lavoro

A causa dei pensionamenti recenti si è dimezzato il personale e capita spesso che sia impossibile per i cittadini poter avere la carta d’identità elettronica  

Durante l’ultimo disservizio di alcuni giorni fa all’ufficio Anagrafe, rimasto senza dipendente per fare le carte d’identità, aveva preannunciato un esposto alla Prefettura che ha trasmesso ieri inviandolo anche agli uffici dell’Ispettorato del lavoro, dell’ Ispettorato generale di amministrazione, del Servizio medicina del lavoro della Asp di Siracusa e per, conoscenza, alle organizzazioni sindacali e all’associazione nazionale ufficiali di stato civile e anagrafe. Così il consigliere comunale di #perAugusta, Peppe Di Mare ha sollevato “la grave situazione amministrativa, sanitaria e di sicurezza dell’ufficio Anagrafe” dove a causa di diversi pensionamenti che hanno dimezzato di fatto il personale in servizio “quasi quotidianamente non si emettono carte d’identità o non si effettuano altri servizi con grave danno per i cittadini costretti a viaggi snervanti e a perdite di tempo inutili, creando momenti di tensione e disagio e rischi penali per i dipendenti, quali adempimenti obbligatori”.

Secondo Di Mare si starebbe compiendo anche “un atto amministrativo illegittimo” in quanto l’amministrazione sta delegando anche personale a tempo determinato a svolgere funzioni di ufficiale di stato civile, facendo rifermento alla circolare del ministero dell’Interno 15 che consente alle amministrazioni in casi particolari e temporanei di attribuire la delega di ufficiale d’anagrafe anche a dipendenti, non di ruolo ma ritenuti idonei a svolgere tali mansioni.

“Ma gli atti emanati di delega dall’ amministrazione comunale omettono volutamente quanto la stessa circolare afferma ed in particolare che – aggiunge- “si rileva opportuno soffermarsi sulla necessità di assicurare che i dipendenti in questione abbiano all’ uopo preventivamente ricevuto un’idonea formazione (sia sa un punto di vista giuridico che tecnico informatico), assolutamente propedeutica ed indispensabile per l’esercizio delle funzioni connesse alla gestione dei servizi d’anagrafe e stato civile. E’ dunque chiaro come vengano affidati incarichi, probabilmente, senza rispettare la circolare nella sua interezza”.  A questo poi Di Mare aggiunge il degrado e la situazione insalubre dei locali, già nota da tempo che vien denunciata nell’esposto.

Durante uno degli ultimi disservizi il segretario generale del Comune, Dorotea Grasso aveva riferito che il responsabile di settore aveva indicato il personale in grado di fare le carte d’identità ed era già stata richiesta alla prefettura di Siracusa la possibilità per gli altri 3 dipendenti dell’ Anagrafe di essere autorizzati dal ministero ad emettere, non in via temporanea, carte d’identità.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo