Augusta, dipendente dell’Anagrafe in malattia: niente carta d’identità stamattina

Il consigliere Di Mare chiederà un’ispezione alla Prefettura, per il collega Tribulato bisogna aumentare il personale, il segretario del Comune Grasso: “abbiamo già chiesto di estendere le deleghe ad altri 3 dipendenti”

Bisogna sperare che non si ammali l’unica dipendente dell’Anagrafe delegata a rilasciare la carta d’identità elettronica per poter avere il documento, perchè altrimenti si blocca l’ufficio. È, infatti, quanto successo stamattina al vicolo San Giuseppe dove l’unica dipendente delegata dal sindaco e autorizzata dalla Prefettura per questo servizio era assente per malattia e non c’era nessuno che potesse sostituirla.

L’unico che avrebbe potuto farlo, il responsabile dell’ufficio, è in ferie con la conseguenza che a rimetterci è sempre il cittadino, che non riesce ad ottenere un documento essenziale e un servizio “base” com’è la carta d’identità, come già successo per altro qualche settimana fa quando la dipendente in ferie non era stata sostituita. Diverse sono state le persone che stamattina, ognuno con le proprie esigenze e scadenze, si sono recate nei locali dell’Anagrafe – che ha chiuso regolarmente alle 11, 30 per il pubblico – e che sono tornati a casa mani vuote, non senza polemiche.

Stamattina mi hanno chiamato diversi cittadini dicendomi che, come ormai succede spesso, non hanno potuto fare la carta d’identità perchè non c’ era il personale – ha raccontato il consigliere Peppe Di Mare – È diventata ormai un’abitudine, oggi stesso chiederò un’ispezione alla Prefettura, perchè ormai questo mi sembra l’unico modo per riuscire a risolvere il problema. Esprimo solidarietà al personale che è sottoposto anche alle legittime lamentele dell’utenza e ho chiesto più volte all’amministrazione che ci sia qui un vigile urbano perché in queste condizioni, se c’è qualcuno particolarmente agitato, non si sa come va a finire. Sullo stato dei locali in degrado chiederò l’intervento dell’Ispettorato del lavoro. Se questa amministrazione non ha personale chiuda tutti gli uffici e si assuma la responsabilità, se poi non sono in grado di amministrare se ne vadano tutti a casa”.

Sulla vicenda è intervenuto anche il consigliere Biagio Tribulato che ha chiesto l’intervento del segretario generale del Comune che “mi ha assicurato che si cercherà di risolvere il problema che – ha aggiunto- si continua a ripetere da tre mesi. Il problema sta alla base ed è quello della carenza del personale che qui si può risolvere solo aumentando i dipendenti mentre ci sono settori in esubero come Affari legali e Lavori pubblici da cui potrebbero essere trasferiti alcuni dipendenti. E’ ovvio che la pianta organica così com’è stata predisposta non va bene e deve essere adeguata, in primis, ai bisogni dell’utenza e non viceversa del personale. Sul degardo dei locali ho scritto una lettera all’ufficio Igiene dell’ Asp”.

Da parte sua il segretario generale del Comune, Dorotea Grasso ha riferito di aver contattato il responsabile del settore che è in ferie che “ha indicato il personale in grado di fare le carte d’identità intanto per il rientro pomeridiano. Già oltre un mese avevamo richiesto alla prefettura di estendere le deleghe agli altri 3 dipendenti dell’ Anagrafe e proprio oggi il sindaco ha sollecitato una riposta. Stiamo, inoltre, vedendo di poter assicurare altro personale da altri settori”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo