Augusta, diciannovenne migrante sbarca al porto e partorisce due gemelli all’ospedale “Umberto I”

I due bimbi sono ricoverati in terapia intensiva neonatale, pesano circa 2 chili ciascuno e sono nati dopo un parto cesareo d’urgenza

Sono nati ieri sera, all’ospedale “Umberto I” di Siracusa, i due gemelli di Fatimata, la ragazza di 19 anni, originaria della Costa D’Avorio arrivata ieri pomeriggio al porto commerciale di Augusta con la nave della Marina militare spagnola “Santa Maria” che a bordo aveva 483 migranti in tre diversi eventi.

I due bimbi sono ricoverati in terapia intensiva neonatale, pesano circa 2 chili ciascuno e sono nati dopo un parto cesareo d’urgenza effettuato all’ospedale siracusano dove la giovane, che sosteneva di non sentire più i due bambini, è stata portata per tutti gli accertamenti.

E’ stata la prima a scendere dalla nave ieri, tanti i bambini anche piccoli che sono arrivati in braccio alle loro madri e sono stati accolti in banchina, come  la maggior parte dei migranti, e poi trasferiti nella tendopoli del porto.  Gli ultimi rimasti sulla nave, circa un centinaio, sono scesi.

Al lavoro anche il Gicic, il gruppo di contrasto all’immigrazione clandestina al comando del vice commissario Carlo Parini a cui è stato consegnato dai militari spagnoli anche un telefono satellitare ritrovato tra gli oggetti dei 483 e che potrebbe dare utili indicazioni per individuare  eventuali scafisti.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo