Augusta, degrado in piazza Unità d’Italia, singolare protesta di un cittadino che si incatena

Con questo gesto Francesco Disano spera che si smuova qualcosa e che venga ripulita l’area

Accendere i riflettori sul degrado di piazza Unità d’Italia, alla Borgata, luogo di ritrovo dei giovani e meno giovani, dove le aiuole sono piene di erba incolta e ormai secca, la sera i lampioni sono spenti e c’è sporcizia.

È con questo obiettivo che oggi pomeriggio un augustano, Francesco Disano si è incatenato ad una panchina che si trova nella piazza ed è rimasto lì, anche quando in serata sono arrivati i carabinieri che lo hanno identificato. “È una protesta per smuovere qualcosa e far si che qualcuno provveda a ripulire – ha detto – con questa erba incolta basta un niente per fare andare a fuoco tutto,  anche tutte le belle palme  che ancora resistono. L’amministrazione ora ha deciso di fare la disinfestazione, ma se prima non si taglia l’erba alta a che serve? Qua è da almeno un anno che non puliscono, non è giusto lasciare la piazza in questo stato. Non basta già il degrado che abbiamo? Aspetto che venga qui qualcuno dell’amministrazione”.

In serata è stato raggiunto ad qualche  amico che gli ha portato un giubbotto visto che si è alzato il vento, la sua protesta pacifica già sta facendo il giro dei social.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo