Augusta, Cgil e Cisl: “Immediata proroga per gli 80 precari del Comune fino al 31 dicembre 2016”

Immediata proroga per gli 80 precari del comune di Augusta fino al 31 dicembre 2016. È questa la richiesta, ferma e decisa, delle federazioni della Funzione Pubblica di Cgil e Cisl territoriali che, al silenzio dell’amministrazione comunale, ribattono con una chiamata al rispetto della legge e, soprattutto, della dignità dei lavoratori coinvolti.

Ci troviamo davanti ad un’amministrazione sorda, arrogante e incapace di confrontarsi con le parti sociali – hanno dichiarato i segretari generali di Fp Cisl e Fp Cgil, Daniele Passanisi e Franco Nardi – Il sindaco continua a non rispondere alle nostre sollecitazioni e richieste di incontro. Un atteggiamento grave e inaudito visto che, grazie alla Legge di stabilità 2016, la soluzione è a portato di mano“. Il sindacato cita il comma 215 della Legge di Stabilità esitata dal Governo nazionale. Si guarda, in particolar modo, al passaggio che riguarda il personale a tempo determinato.

Si deroga a favore delle Regioni a Statuto speciale, nonché agli Enti territoriali compresi nelle stesse – hanno aggiunto Passanisi e Nardi – Nell’articolo in questione si legge espressamente che “gli Enti Locali che nella procedura di dissesto deliberano il bilancio stabilmente riequilibrato”, possono prorogare i contratti dei lavoratori precari. Insomma una soluzione a portata di mano che, aggiunta a quanto fissato nella Finanziaria della Regione siciliana, è di immediata fattibilità. La nostra Regione, attraverso l’emendamento della Commissione Bilancio, ha stanziato 1 milione e 200 mila euro per salvare i precari dei comuni in dissesto: compreso quello di Augusta. Ora chiediamo di far presto e dare le risposte dovute ai lavoratori che esigono rispetto e pari dignità. L’amministrazione comunale di Augusta si svegli dal torpore e si avvalga di questi strumenti normativi ed economici che rappresentano lavoro e occupazione”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo