Augusta, celebrata la 41esima giornata della vita alla parrocchia del Soccorso

A promuoverla l’ associazione  delle famiglie (Afi)  insieme all’Aifo, l’associazione degli amici di Raul Follerau che ha anche promosso la vendita  del miele di solidarietà

Le due corali Anthea odes ed Anthea Juvenes

Due giorni per testimoniare l’importanza della  vita e la necessità di costruire  ponti. Si è celebrata così lo scorso fine settimana, nei locali della chiesa del Cristo re e della parrocchia del Soccorso la 41esima giornata della vita, promossa dall’associazione delle famiglie (Afi) insieme all’Aifo, l’associazione italiana amici di Raoul Follereau che, nei mesi scorsi, aveva portato ad Augusta Chiara Castellani, il medico che da anni vive in Congo per aiutare i più poveri.

Ai progetti di quest’ultima associazione, ma anche per i più bisognosi di Augusta è andato il ricavato della vendita di vasetti di miele di solidarietà, promossa in occasione della sessanteseiesima giornata mondiale dei malati di lebbra, che si è svolta qualche giorno prima.

I volontari, ma anche gli studenti dell’istituto superiore  Ruiz, hanno anche organizzato, sempre per lo stesso fine, un sorteggio di opere regalate da artisti donatori augustani. L’iniziava si è svolta sabato pomeriggio dopo il mini concerto offerto dalle due corali Anthea Odes e Anthea juvenes, diretti rispettivamente da Maria Grazia Morello e Martina Di Gaetano che si è tenuto nella chiesa di Cristo re. “È il nostro modo per dire grazie a Chiara. Il suo messaggio vibra tra noi che cerchiamo di scuotere Augusta e che impara dal Sud del mondo che il diritto di sognare è fondamento dei cambiamenti possibili”, si legge in un volantino.

Domenica, invece, sono stati premiati Domenico Passanisi, Emma Pugliares e Alberto Grimaldi, i tre bambini che con i loro disegni hanno partecipato al concorso “È futuro, è vita” a cui ha fatto seguito l’intervento di suor Gabriella Profita, madre superiora del centro “Oreb” per minori affidati dal tribunale, che ha parlato del senso della vita anche nei momenti di difficoltà e ha raccontato la sue esperienze con i ragazzi e bambini che le vengono affidati.

Altre testimonianze di Stefania Caponigro, presidente del centro contro la violenza alle donne “Nesea”, di Nello Ruscica dell’ Aifo, di Pucci Passanisi del gruppo famiglia, di Sebastiano Mazziotta, dell’Asd Nuova Augusta, che ha raccontato come lo sport riesce a rendere felici i ragazzi disabili, che lo praticano con costanza ed ottenendo anche buoni risultati e di Deborah Iorio, presidente dell’Afi ad Augusta. “È la prima volta che ci troviamo tutti insieme – ha detto Iorio – per festeggiare la giornata della vita, quest’anno abbiamo voluto organizzarla insieme ad altre associazioni per far capire  che mettendoci insieme si può fare di più”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo