Augusta, Carabinieri e Asl chiudono un ristorante-pizzeria per carenze igienico sanitarie

Accertando la detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e procedendo, nella circostanza, al sequestro di 50 chilogrammi di alimenti vari

foto di repertorio

I Carabinieri della Stazione di Augusta, unitamente ai colleghi del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità (N.A.S.) di Ragusa, nell’ambito di mirati servizi predisposti dal superiore Comando Provinciale di Siracusa, hanno effettuato un controllo igienico-sanitario ed amministrativo presso una pizzeria – ristorante del centro megarese, accertando la detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e procedendo, nella circostanza, al sequestro di 50 kg. di alimenti vari.

Inoltre il personale medico dell’A.S.L., intervenuto su richiesta dei Carabinieri operanti, disponeva la chiusura dell’esercizio commerciale, poiché interessato dalla mancata notifica all’autorità sanitaria, dalla non corretta attuazione del piano di autocontrollo alimentare e soprattutto da carenze igienico – sanitarie.

Il valore commerciale dell’infrastruttura chiusa ammonta ad euro 200.000. Il titolare dell’attività di ristorazione è stato, pertanto, deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Siracusa per aver detenuto alimenti in cattivo stato di conservazione ed alle Autorità Amministrativa e Sanitaria per le atre violazioni non di natura penale.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo