Augusta, aggredisce la moglie e irrompe al Pronto soccorso per portarsela via: arrestato un 26enne

A seguito dell’attività investigativa, i militari dell’Arma accertavano che i maltrattamenti andavano avanti da almeno 2 anni, gli stessi oltre che verbali e psicologici erano stati anche fisici

Immagine generica di repertorio

I Carabinieri della Compagnia di Augusta, durante questa notte, hanno tratto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia un uomo 26 enne di origine straniera, nullafacente, con precedenti di polizia.

A seguito dell’ennesimo episodio di violenza domestica, la donna aveva provato a rifugiarsi anche nei locali del Pronto Soccorso di Augusta, per ricevere assistenza dai sanitari. L’uomo irrompeva all’interno del Nosocomio, nell’intento di portare via la moglie, ma il tentativo è stato reso vano grazie al pronto intervento dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Augusta, che nel frattempo erano stati allertati dai sanitari.

Sul posto i Carabinieri appuravano che l’uomo, come altre volte in passato, aveva aggredito verbalmente, per futili motivi, la propria moglie. A seguito dell’attività investigativa, i militari dell’Arma accertavano che i maltrattamenti andavano avanti da almeno 2 anni, gli stessi oltre che verbali e psicologici erano stati anche fisici.

Fortunatamente, l’intervento tempestivo dei militari ed il rapporto fiduciario con la vittima ha consentito non solo di evitare il peggio ma anche di trasmettere alla donna il coraggio di intraprendere il percorso per iniziare una nuova vita. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità giudiziaria è stato recluso nella Casa Circondariale di Cavadonna a Siracusa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi